Bio-bottiglia? Eccola, finalmente

Solo qualche giorno fa ho notato le affissioni dell’Acqua Sant’Anna per il lancio della loro bottiglia biodegradabile. Addirittura prima al mondo nel formato da 1,5 litri e unica (in tutti i formati) in Italia.

Sant’Anna Bio Bottle nasce dai vegetali e non dal petrolio: riducendo cosi i gas serra e abbattendo l’emissione di CO2  nell’ambiente. E’ biodegradabile in soli 80 giorni e può essere conferita nella raccolta differenziata dell’organico. I tappi sono in PE e devono essere conferiti nella raccolta differenziata della plastica. E’ disponibile nei formati da 0,5 litri, 1 litro e 1,5 litri.

Sant’Anna Bio Bottle è prodotta con Ingeo™, la rivoluzionaria materia naturale che si ricava dalla fermentazione degli zuccheri delle piante anziché dal petrolio. La bioplastica con cui è prodotta la nuova bottiglia Sant’Anna è conforme alla norma EN13432, che ne certifica la compostabilità, ovvero la biodegradazione in un tempo massimo definito.

Una bella e quanto mai necessaria iniziativa della Fonti di Vinadio (l’azienda che imbottiglia l’Acqua Sant’Anna) se si considera che:

  • Le bottiglie di plastica impiegano circa 7 secoli prima di decomporsi completamente;
  • Il 90% del costo di una bottiglia d’acqua è riconducibile alla bottiglia di plastica medesima;
  • Sono necessari 90 millioni di litri di petrolio per produrre un miliardo di bottiglie di plastica;
  • Dai supermercati italiani escono 15 miliardi di bottiglie in Pet ogni anno; solo il 20%di queste vengono riciclate;
  • Per produrre 1 chilo di Pet (polietilene tereftalato) materiale comunemente utilizzato per i contenitori dell’acqua, sono necessari 2 chili di petrolio. Ma non solo: per ogni chilo di Pet prodotto sono necessari 17,5 Kg di acqua. Dato che una bottiglia da 1,5 l pesa 35 gr con 1 Kg di PET si fanno 30 bottiglie.

Che ne dite? Se proprio non volete rinunciare alla vostra acqua imbottigliata (considerato che quella del rubinetto, è buona, controllata, piu’ economica e di gran lunga più sostenibile) sarà, almeno, il caso di scegliere con criterio. E se la Sant’Anna non vi piace, la bottiglia in Pet, mi raccomando, differenziatela.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...